Chiusura TIN: La Giunta diffida ASL Sa e Regione

La Giunta Francese con una Delibera intima e diffida l’ASL Salerno a riaprire il TIN al PO di Battipaglia e chiede un incontro in Regione.

La Sindaca di Battipaglia Cecilia Francese disseppellisce l’ascia di guerra e affronta a testa bassa l’ASL Salerno e la Regione Campania. E arriva l’appoggio anche di Ugo Tozzi che nel frattempo ha raccolto 1800 firme. 

Ospedale_Battipaglia_Francese_Iervolino

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

BATTIPAGLIA – Relativamente alla chiusura della Terapia Intensiva Neonatale dell’Ospedale Santa Maria della Speranza di Battipaglia la Giunta Francese, messo da parte ogni indugio ha deciso di adottare una Delibera intimando e diffidando la Direzione Generale dell’Asl Salerno alla riapertura immediata dell’UO TIN del Nosocomio cittadino. La Giunta comunale presieduta dalla Sindaca Cecilia Francese nel corpo della Delibera ha ricordato che da tempo è chiuso anche il Reparto di Medicina Nucleare, nella piu totale indifferenza dei vertici Aziendali. Pertanto, l’Esecutivo considerata l’emergenza sanitaria che si è venuta a determinare sul territorio cittadino, sull’intero comprensorio della piana del Sele, e sulla popolazione assistita, ha ritenuto di conferire mandato alla Sindaca Francese affinché chieda immediatamente anche un incontro con il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca.

Ugo Tozzi

L’azione “istituzionale” della Sindaca di Battipaglia trova anche proseliti e tra questi Ugo Tozzi candidato Sindaco  che ha diciarato: «Sono lieto che l’amministrazione di Battipaglia si sia decisa ad intervenire in maniera ufficiale, piuttosto che con “gesti eclatanti” che evidentemente non hanno sortito effetti sulla chiusura della Tin e sulle difficoltà per le carenze di personale dell’ospedale di Battipaglia. Direi che era ora. – commenta il candidato a sindaco Ugo Tozzi, apprendendo della delibera della Giunta Francese indirizzata alla direzione sanitaria e al Presidente De Luca – Mi dispiace, però, che non abbiano voluto rafforzare la loro azione tenendo conto delle circa 1800 firme che noi abbiamo raccolto in pochissimo tempo. Sono sul tavolo della direzione sanitaria comunque ed anche in Regione. Spero servano a rafforzare, in ogni caso, le richieste di dignità e di buona sanità per il territorio. Ripeto: la salute non ha colore politico. E’ una battaglia che dovremmo condurre tutti insieme»

E qui di seguito si tiporta il testo integrale della delibera di Giunta Comunale:

PREMESSO CHE

la chiusura della TIN presso l’ospedale di Battipaglia, ampiamente prevista e denunciata dagli operatori sanitari, dalle O.S.S. e dalla stessa Sindaca di Battipaglia allorquando, costretta dal disinteresse plateale della politica regionale e dalla direzione generale dell’ASL verso il presidio ospedaliero Battipagliese, si incatenò dinanzi all’ospedale stesso in un clamoroso atto di protesta, c la dimostrazione del permanere di un colpevole disinteresse verso l’ospedale cittadini, sia a livello gestionalc sia a livello politico;

COSTATATO CHE

dopo la incomprensibile chiusura della medicina nucleare dell’ospedale di Battipaglia, reparto di elezione , cd unico un tutta l’ASL nonostante le rassicurazioni pervenute in questi mesi) c la chiusura della chirurgia del rachidc, la venuta meno della TIN e’ una altro durissimo colpo all’ospedale di Battipaglia, come esito di una fallimentare politica regionale sanitaria che continua a penalizzare la Piana del Scie e la nostra città in particolare.

CONSIDERATO CHE

tale scriteriata politica sanitaria finisce per penalizzare un bacino di circa 200.000 persone che gravitano sul presidio cittadino;

CONVENUTO

di fare pervenire alla presidenza della Regione Campania, ai capigruppo in Consiglio Regionale , al direttore Generale dell’ASL Salerno il senso del disagio e della protesta dei cittadini di Battipaglia e della Amministrazione Comunali a fronte di scelte manageriali e politiche che continuano a penalizzare il nostro territorio e che non sono pia’ accettabili;

RITENUTO

altresì di invitare la Direzione Generale dell’ ASL Salerno ad assumere tutti i provvedimenti necessari per ovviare alla carenza di personale venutasi a creare alla TIN per consentirne la immediata riapertura e nelle more di adottare specifica ordinanza in via d’urgenza, al fine di consentire alle puerpere premature di poter usufruire delle ambulanze dell’Ospedale di Battipaglia per recarsi presso il presidio di Nocera o del San Leonardo, senza passare attraverso il 118 con un inopportuno, se non pericoloso, allungamento dei tempi.

DI DARE MANDATO

al Sindaco di chiedere un incontro in via d’urgenza con il Direttore Generale dell’ASL Salerno, per affrontare in termini risolutivi , partendo dalla situazione determinatasi presso la TIN, le questioni dell’Ospedale di Battipaglia ormai annose come la vicenda della medicina nucleare e della chirurgia del rachide;

RIBADITO

che la politica ospedaliera nella Piana del Scie non può’ prescindere dalla realizzazione dell’ospedale unico della Piana del Sele, come del resto previsto dal piano ospedaliero 2009;
DATO ATTO CHE il presente provvedimento si configura come mero atto di indirizzo politico, e in quanto tale non necessita della espressione dei parcri di cui all’art 49 del D.Lgs. 267 dcl 18/8/2000;

DATO ATTO CHE

il presente provvedimento non presenta ricadute dirette o indirette sul bilancio del Comune di Battipaglia, cd in quanto tale non necessita dell’espressione del parere di regolarità contabile;

SI PROPONE

  1. di esprimere alla Presidenza della Regione Campania ed alla Direzione Generale dell’ASL Unica Salerno, il senso del disagio e della preoccupazione della cittadinanza di Battipaglia e di tutti i Comuni che gravitano su Battipaglia per motivi di ordine sanitario, per la inopportuna ed ampiamente prevista chiusura della TIN , che si aggiunge a quelle ormai annose, della medicina Nucleare e della chirurgia del rachide , che danno il senso di una politica sanitaria penalizzante per la Piana del Sele;
  2. di invitare e diffidare la Direzione Generale dell’ ASL a mettere in campo in via d’urgenza, tutti gli atti necessari a consentire la immediata riapertura della TIN presso l’ospedale di Bat-tipaglia, e nelle more di predisporre ordinanza ad horas per consentire alle puerpere prema-turo di potere usufruire delle ambulanze dell’Ospedale di Battipaglia per recarsi presso il San Leonardo o il PO di Noccra per potere usufruire del servizio sospeso presso il nostro ospedale;
  3. di dare mandato al Sindaco di chiedere un incontro alla Direzione Generale dell’ASL sulle questioni dell’Ospedale di Battipaglia a partire dalla chiusura della TIN, della medicina nucleare, della chirurgia del rachide. e dalla cronica carenza di personale che mette in discussione altri servizi del nostro ospedale;
  4. di demandare alla Sindaca di chiedere un incontro con la Presidenza dea Regione Campania per affrontare i termini di una politica sanitaria che, oggettivamente, risulta penalizzante ella Piana del Scie c della nostra citta’ , a partire dalla ricollocazione quale priorità della politica sanitaria della Regione Campania della questione dell’Ospedale Unico della piana del Sete;
  5. di dichiarare, con separata votazione, ravvisata l’urgenza del provvedere, ad unanimità di voti espressi in forma palese, il presente provvedimento immediatamente eseguibile ai sensi dell’art.134 comma 4 del D.Lgs. n. 267/00;

Battipaglia, 14 agosto 2021

1 pingback on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2022 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente