Pontecagnano e il Bilancio:l'Amministrazione sperpera e la città paga

COMUNICATO STAMPA DEL 26 MAGGIO 2010

(S)BILANCIO COMUNALE 2010

Il bilancio comunale 2010 ammonta a circa 27.600.000 € e contiene un debito residuo di 7.700.00 €, con un rapporto debito/entrate del 72%, più che raddoppiato in 3 anni!

Sono aumentate le spese per incarichi di personale nominato in buona parte direttamente dal Sindaco (molti forestieri e amici degli amici), per un costo di circa 750.000 €, con lo svilimento dei tanti giovani di Pontecagnano Faiano in attesa di un lavoro dignitoso e con la mortificazione dei dipendenti storici (pur qualificati).

Nell’anno 2009 sono stati spesi dal nostro Comune: 240.000 € per spese elettriche e telefoniche, 167.000 € per la gestione di automezzi, 160.000 € per fitti vari e 10.700.000 € per la manutenzione (si vede… eh?).

Pensate che il Comune di Pontecagnano Faiano per le bollette della spazzatura (TARSU), dal 2001 ad oggi, deve ancora riscuotere la somma di 7.300.000 €.

Stesso discorso per ICI,  ICIAP,  TOSAP e PUBBLICITA’ .

Nel Bilancio 2010 osserviamo che sono state incredibilmente tagliate le seguenti spese: cultura (- 30%); politiche sociali (- 30%); sviluppo economico, commercio ed agricoltura (- 42%); turismo (- 75%).

Non è prevista alcuna risorsa per la farmacia comunale (approvata dalla Regione da diverso tempo), per i servizi all’infanzia e ai minori, per l’asilo nido comunale e non vi sono risorse adeguate (solo 5.000 €) per la Protezione Civile.

Si continuano, però, a conferire svariati incarichi legali ed a pagare milioni di euro per contenziosi ed espropri (spesi 2.500.000 € dal 2003 al 2009).

Per cercare di fronteggiare questa drammatica situazione, i nostri amministratori hanno deciso di vendere le 2 palazzine di Via Pertini n.1 (case per terremotati) e fare un mutuo per più di 2.800.000 €.

Solo i 4 consiglieri comunali del PD si sono fortemente opposti a questo preoccupante e pericoloso Bilancio di previsione 2010 approvato da tutta la maggioranza di centro-destra ed avallato dall’astensionismo (di attesa strategica) di 3 consiglieri “transfughi”: il neo indipendente Del Gais e Sconza – Montemurro dell’UDC.

A pagare i danni dell’amministrazione Sica, ancora una volta sarà chi ha bisogno di assistenza sociale, chi regolarmente paga le tasse, la cultura, il turismo, lo sviluppo economico, i più deboli ed i giovani! Riflettete gente… riflettete!

Il Coordinamento cittadino PD

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2021 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente