Piano di ZonaS3: Proroga assistenza e Bando per 15 mesi

Proroga di 3 mesi per garantire il servizio al PdZ S3 ex S5 e Bando di gara di 741mila € per la durata di 15 mesi. Per Cardiello un ritorno al passato.

È così che l’Amministrazione Conte garantisce al PdZ la continuità del servizio di assistenza alle famiglie che abbiano figli con disabilità. “Una proroga tecnica in attesa della nuova assegnazione“. Cardiello non ci sta: “..ombre si addensano“. E l’Azienda Speciale Consortile? Chiacchiere da campagna elettorale. 

Piano di Zona S3 ex S5 – Masiello-Curcio-Cardiello

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

EBOLI – «Obiettivo primario dell’Amministrazione è garantire la continuità del servizio di assistenza alle famiglie che abbiano figli con disabilità. Pertanto, nelle more dell’espletamento della gara di appalto per l’assistenza specialistica nelle scuole, che è partita, si è deciso di optare per una proroga tecnica limitata ai tempi burocratici necessari per la nuova assegnazione. L’affidamento precedente è scaduto solo a fine dicembre. – si legge in una nota stampa dell’Amministrazione comunale – L’indirizzo politico dell’amministrazione è comunque stato, fin dall’inizio, quello di procedere il più celermente possibile ad indire la gara.

La coordinatrice del Piano di zona Maria Grazia Caputo ha pertanto indetto una gara a procedura aperta per l’importo stimato di 741mila euro ed una durata di 15 mesi. Le offerte dovranno pervenire entro 20 giorni dalla pubblicazione del bando in modo da procedere con la massima celerità, vista l’urgenza di garantire il servizio. – si legge ancora nella nota dell’Amministrazione – Tra i requisiti richiesti per la partecipazione al bando è specificato che “gli operatori economici devono possedere, pena l’esclusione dalla gara, l’iscrizione nell’elenco dei fornitori, prestatori di servizi ed esecutori di lavori non soggetti a tentativo di infiltrazione mafiosa (c.d. white list) istituito presso la Prefettura della provincia in cui l’operatore economico ha la propria sede oppure devono aver presentato domanda di iscrizione al predetto elenco”.

Damiana Masiello – Massimiliano Curcio

«Abbiamo deciso di indire una gara solo per 15 mesi – hanno spiegato l’assessore delegato al Piano di zona Massimiliano Curcio e l’assessore alle Politiche Sociali Damiana Masielloperché il nostro obiettivo è andare verso la costituzione di un’azienda speciale nel minor tempo possibile. Sarà in seguito il nuovo organismo a gestire anche l’assistenza specialistica, garantendo continuità ed efficienza dei servizi erogati dal Piano di zona. Non era però pensabile, nelle more della sua costituzione e vista la scadenza imminente dell’attuale affidamento, trattandosi di servizi erogati alle fasce più deboli della popolazione, lasciare le famiglie senza assistenza specialistica. Pertanto abbiamo dovuto, giocoforza, effettuare una proroga tecnica».

La gara sarà gestita dalla Centrale Unica di Committenza. Sia il coordinatore dei servizi appaltati che gli operatori dovranno essere in possesso di specifica laurea. – conclude la nota stampa – Si fa infine presente che in soli tre mesi di gestione amministrativa sono stati avviati e conclusi numerosi procedimenti relativi alle Politiche Sociali che attendevano da tempo, quali l’approvazione della programmazione e l’erogazione dei buoni spesa.

Damiano Cardiello

Appreso della notizia il Consigliere di opposizione Damiano Cardiello boccia l’iniziativa intrapresa dall’Amministrazione Conte interviene in merito all’ennesima proroga: «Le ombre sul Piano di Zona si addensano e la politica dorme. – e prosegue – La storia si ripete. Seguiamo con attenzione le vicende relative al Piano sociale di zona S3 sin dal 2015 e oggi ci accorgiamo che nulla è cambiato. Anzi, pare che la continuità con il passato venga garantita apertamente.

Parliamo del servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili nelle scuole d’infanzia. – precisa Damiano Cardiello e incalza – Un comune attento dovrebbe garantire il servizio con puntualità. A Eboli, invece, si vive di emergenza e di proroghe da centinaia di migliaia di euro a cooperative coinvolte nell’inchiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Salerno. – ha ragione Cardiello, ma forse bisognava pretendere dal Commissario Prefettizio Antonio De Jesu, che inopinatamente sospese il servizio e decise sua sponte, benché vi fosse un affidamento in corso, di sospendere qualsiasi servizio abbandonando a se stessi, le famiglie e ancora più grave i bambini con disabilità e gli anziani non autosufficienti. Prorogando parzialmente il servizio ad anno scolastico iniziato. Perché tutti hanno taciuto? Si prefigura un danno per la Città e l’interruzione di un pubblico servizio vieppiú destinatario di appositi finanziamenti? Questa sarebbe un’azione da risarcimento di danni che il Sindaco di Eboli dovrebbe intraprendere piuttosto che intentsrla per POLITICAdeMENTE per le sue domande. Azione che dovrebbe essere sostenuta anche da Cardiello e da tutte le altre opposizioni, completamente afone nel corso dell’anno di gestione commissariale -.

Le indagini, vale la pena ricordarlo, vedono coinvolti 41 indagati, tra imprenditori, dipendenti comunali e l’ex sindaco per reati che vanno dalla corruzione alla turbativa d’asta. – Cardiello ricorda il passato richiamandosi ad una indagine che dovrebbe essere portata avanti e conclusa anziché essere risolta non fornendo un servizio, sperando in ogni caso che la giustizia trionfi, ma la Giustizia, non il giustizialismo

E a finire sotto la lente di ingrandimento della Procura di Salerno non proprio alcune gare appaltate negli anni addietro. – prosegue Cardiello puntando il dito sulle indagini più che sui servizi che al contrario il PdZ deve fornire – In particolare quelle relative al servizio di assistenza specialistica disabili consecutivamente per gli anni dal 2015 al 2018 e quelle relativa alla assistenza domiciliare anziani.

Veniamo ai giorni nostri e capiamo cosa stia accadendo con ordine: il 14 settembre 2021 gli uffici hanno proceduto ad un affidamento diretto alle coop. CSM e Anche Noi, del valore di 138.891 euro per 98 giorni consecutivi (la soglia per procedere alla gara è di 139.000 in su). – prosegue ancora Cardiello – Gli uffici ritardano la pubblicazione del bando e arrivano ad oggi con i genitori degli alunni disabili letteralmente inferociti per via della possibile interruzione del servizio.

Allora interviene la proroga alle medesime cooperative del 13 gennaio 2022 per un importo di 154.710 e per una durata di giorni 90 (sulla differenza di costi rispetto l’affidamento diretto il perché lo sanno solo gli uffici). – aggiunge Cardiello – Dunque in soli sette mesi il costo di queste due determine ammonta a circa 300.000 euro. Senza uno straccio di gara pubblica. Dimenticando l’esistenza del principio di rotazione, pilastro del codice degli appalti. Dimenticando che per una questione di opportunità, viste le delicate indagini in corso, l’imparzialità della P.A. dovrebbe essere la bussola dell’azione amministrativa.

Eboli, dunque, si conferma il paese delle proroghe. – incalza Cardiello – Stiamo predisponendo apposita interrogazione comunale per capire le motivazioni di queste scellerate scelte e invieremo esposto all’Anac, a dimostrazione che dinanzi a problematiche afferenti alla legalità non facciami sconti a nessuno. – conclude Damiano Cardiello – I disabili vanno tutelati e devono essere una priorità per qualsiasi amministrazione comunale, ma con la necessaria correttezza amministrativa.»

I disabili vanno tutelati e come, anche nel corso della gestione Commissariale, e soprattutto vanno tutelati con la continuità assistenziale, fermo restando che bisognerebbe trovare un altro assetto per garantire al PdZ uno svolgimento duraturo e soprattutto legato alle competenze dei singoli operatori. Purtroppo la cosa più giusta sarebbe quella, come tutti hanno sostenuto nel corso della Campagna elettorale immaginare un nuovo Assetto Amministrativo al PdZ, e l’unica soluzione sarebbe quella di abbandonare gli egoismi di campanile e di costituore un’Azienda Speciale Consortile. Nel caso contrario ci rivedremo ancora fra qualche anno e di sicuro proveremmo a rinnovare le accuse verso l’Amministrazione di turno.

AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA SPECIALISTICA PIANO DI ZONA S3 EX S6

Eboli, 14 gennaio 2022

4 commenti su questo articoloLascia un commento
  1. Precariato e navigare a vista, tutto come prima, la bomba sociale fra poco vi esploderà in mano, state attenti ,ve lo dico senza polemiche..

  2. https://pdf.extrapola.com/comunedieboliPdf/2.311.pdf

    SIGNORI ECCO IL BANDO PER IL PORTAVOCE, POCO PUBLBICIZZATO, SENZA NOTE ISTITUZIONALI.

    SE LO AVESSE ISTITUITO QUALCUN ALTRO SI SAREBBE PARLATO DI MEGALOMANIA, MA SE LO FANNO GLI EX OPPOSITORI TUTTO BENE?

    SI PREPARA UN PERIODO BOLLENTE!

  3. https://albopretorio.datamanagementitalia.it/AlboPretorioWeb/allega/ComuneDiEboli/Protocollo/2022/01/1736_135943704.pdf
    CHIEDO SCUSA, QUESTO IL BANDO PER IL NUOVO PORTAVOCE, SE LO AVESSE FATTO ILPASSATO SINDACO…..

  4. Portavoce, proroghe….praticamente nulla cambia.
    Il bando per il piano di zona lo dovevano fare da subito ah ma è tutto un accordo.
    Vedrete poi…i bandi

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2022 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente