Asili nido, Sud penalizzato: l’allarme di Conte(LeU)

Asili nido, l’On. Federico Conte (LeU) lancia l’allarme: “Rivedere i criteri di ripartizione, Sud penalizzato“. 

Il meccanismo ha avvantaggiato con tutta evidenza i Comuni del Centro-Nord e le grandi città, che hanno più possibilità di cofinanziare, nonostante questi abbiano già raggiunto l’obiettivo europeo del 33% dei posti negli asili nido ogni 100 bambini. E mritardi nell’obiettivo, cioè proprio il Sud”.

Federico Conte

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

SALERNO – Rivedere i criteri di ripartizione del Fondo asili nido, che con l’ultimo bando hanno penalizzato i Comuni del Mezzogiorno a vantaggio di quelli più ricchi. Lo chiede, con una interrogazione alla Ministra dell’interno, il deputato di Liberi e Uguali, Federico Conte.

“I criteri di ripartizione e assegnazione del Fondo asili nido – dice il deputato salernitano – prevedevano, tra le otto condizioni, che ai comuni fosse assegnato un punteggio alto in base ai cofinanziamenti garantiti, il che ha consentito a enti più ricchi, in grado di garantire un corposo contributo con proprie finanze, di scavalcare altri enti con minori possibilità. Il meccanismo ha avvantaggiato con tutta evidenza i Comuni del Centro-Nord e le grandi città, che hanno più possibilità di cofinanziare, nonostante questi abbiano già raggiunto l’obiettivo europeo del 33% dei posti negli asili nido ogni 100 bambini. E ha svantaggiato i comuni del Mezzogiorno, lontanissimi dall’obiettivo europeo (la Campania è a 9,4, la Sicilia a 10, Calabria 11, Basilicata 16,7 e Puglia 16,8). È un risultato paradossale, dal momento che i criteri di ripartizione efficaci dovrebbero favorire maggiormente quei territori in cui si registrano maggiori ritardi nell’obiettivo, cioè proprio il Sud. 

La richiesta al Governo – conclude l’On. Federico Conte parlamentare salernitano di LeU – è di modificare i criteri in modo da impedire che altri esiti di questo tipo si possano verificare nei prossimi bandi. I principi ispiratori del Next Generation Eu, e di tutte le azioni legate al Pnrr, sono orientate alla riduzione dei divari territoriali; con questi criteri il divario Nord-Sud rischia, invece, di aumentare”.

Salerno, 25 novembre 2021

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2021 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente