Il Consorzio di Bonifica Destra Sele al MacFrut di Rimini col Progetto Sfori

Al MacFrut di Rimini, il Consorzio di Bonifica in Destra Sele presenta il progetto SFORI: per ottimizzare l’utilizzo della risorsa idrica irrigua. 

Vito Busillo Presidente Anbi: “Oggi grazie a questa sperimentazione almeno il 10% delle serre della Piana del Sele impegnate nella coltivazione di verdura di IV Gamma utilizzano tecnologia basata su sensori che al contempo consente di irrigare con minor apporto di acqua e fornire un prodotto più sano, perché risulta ridotto l’utilizzo di anticrittogamici”. 

Vito Busillo-MACFRUT-Rimini presenta-progetto-SFIORO_Consorzio-Bonifica Destra Sele

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

RIMINI – Oggi Vito Busillo, presidente del Consorzio di bonifica in Destra del fiume Sele, nel quadro della manifestazione fieristica MacFrut, ha presentato a Rimini durante l’evento Anbi “innovazione in agricoltura” i risultati del progetto di ricerca applicataSFORI”  – acronimo di “Sensoristica in fibra ottica per il risparmio idrico”, realizzato in collaborazione con il Centro Regionale Information Communication Technology Cerict e finanziato dalla misura 124 del Programma di sviluppo rurale Campania 2007-2013.

Obiettivo del progetto SFORI è stata la realizzazione di un sistema intelligente, basato su termo-igrometri in fibra ottica, per la misura del contenuto di umidità del suolo, finalizzato alla ottimizzazione e razionalizzazione degli interventi irrigui, in modo da assicurare risparmio idrico e al contempo un miglioramento delle produzioni agricole, limitando l’insorgere di patologie fungine, legate ad un eccesso di umidità. 

Vito Busillo presidente Anbi Campania

Oggi – ha ricordato Busillo – grazie a questa sperimentazione almeno il 10% delle serre della Piana del Sele impegnate nella coltivazione di verdura di IV Gamma utilizzano tecnologia basata su sensori che al contempo consente di irrigare con minor apporto di acqua e fornire un prodotto più sano, perché risulta ridotto l’utilizzo di anticrittogamici” 

Questo perché le prime sperimentazioni dei sensori – che formano un sistema intelligente di 50 termo- igrometri in fibra ottica, basati sulla tecnologia dei Reticoli di Bragg in fibra ottica – sono state sviluppate in aziende agricole pilota selezionate dal Consorzio e le prove sono state effettuate su una coltura importante per la piana del Sele: la rucola in serra, che si ritrova poi nelle confezioni di IV gamma sui banchi frigo della Gdo. 

La proprietà della fibra ottica – posta opportunamente nei campi – è quella di trasmettere un’onda a fronte di una sorgente luminosa, che può subire variazioni in funzione di mutamenti dell’umidità e della temperatura. Il sistema basato sui Reticoli di Bragg è stato testato con successo ed è stato sviluppato un software di gestione dei sensori, tale da poter funzionare come sistema di regolazione e guida dell’irrigazione in funzione delle reali esigenze della coltura considerata, anche correlata alla crescita delle piantine ed alle conseguenti mutate esigenze di apporti irrigui.

L’impiego di fibre ottiche permette di ridimensionare notevolmente i requisiti di spazio e di costo di un sensore, pur conservando doti di elevata affidabilità, maneggevolezza, resistenza meccanica, semplicità di fabbricazione e totale compatibilità ambientale, trattandosi di un’inerte.

Rimini, 8 settembre 2021

3 commenti su questo articoloLascia un commento
  1. Sono circa 20 anni che l’ente Bonifica Destra Sele ha realizzato arterie di condotte forzate con idranti a comando con schede costate agli utenti circa 2000 euro,per regolamentare meglio la distribuzione dell’acqua risparmiando sprechie controllare chi non pagava le quote. Ma aimè tutto ciò è rimasto un sogno queste apparecchiature non hanno mai funzionate o poco e malissimo , allo stato attuale sono tutte rotte, inoltre il sottosuolo della Piana del Sele lungo le linee delle arteree irrigue realizzate dal Consorzio di Bonifica Destra Sele con a Capo il sopraindicato Presidente ,il sottosuolo è pieno delle vecchie arterie mai rimosse ed alcune con rivestimento di amianto.Adesso costui ha imparato una nomenclatura tecnica e inglese per dire che cosa… la quarta gamma prodotta sotto serre , dove i mterreni diventano sterili perche non c’è la turnazione dei raccolti e preparati con prodotti chimici i cosidetti disinfettanti da erbacce, che distruggono l’equilibrio della terra.salendo sulla collina di San Giovanni o su Monte D’Oro ,la valle del Sele è un mare di plastica, un paese surreale … e noi vogliamo vantarci di questo.

  2. Scusate se non ho compreso bene il senso della notizia, ma Busillo era lì per l’acqua del consorzio o la sua Rucola?

  3. https://www.massimo.delmese.net/165883/nasce-il-consorzio-tutela-rucola-piana-del-sele-ipg-busillo-e-il-presidente/

    Scommetto che una tra le aziende pilota che hanno sperimentato la nuova tecnologia è proprio quella del Presidente.

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2021 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente