Stop alle analisi convenzionate per gli anziani

Stop alle analisi convenzionate in provincia di Salerno: L’ira della Uil. Vittime i soliti anziani. 

Il sindacalista Lorenzo Conte della Uil Fpl salernitana prende posizione contro l’ennesimo stop all’assistenza convenzionata: “Alla Regione Campania non viene riconosciuto un finanziamento per la popolazione anziana e sugli stessi dati epidemiologici”.

Uil-Lorenzo Conte-stop analisi convenzionate

Uil-Lorenzo Conte-stop analisi convenzionate

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

SALERNO – Scatta lo Stop alle analisi in provincia di Salerno e scatta l’ira della Uil Fpl salernitana che prende una ferma posizione contro l’ennesimo stop all’assistenza convenzionata e alla mancata considerazione della popolazione anziana che non tra balzelli vari, mancati aggiornamenti degli assegni pensionistici a fronte del vertiginoso aumento del costo della vita, i continui prelievi forzati dei Governi che fanno cassa sugli anziani, oltre ai problemi legati alla salute e all’età, mettono in ginocchio il 30% della popolazione italiana che ormai arranca e non arriva nemmeno alla terza settimana.

Molti già vanno alle mense dei poveri, molti altri si preparano ad andarci si tratta solo di superare l’imbarazzo e la vergigna, il resto ormai non si aspetta più nulla se non raggiungere quanto prima è possibile il regno dei cieli è togliere il disturbo, figuriamoci se ti puoi aspettare un programma che finanzi la costruzione di case-albergo per gli Anziani.

E se il Governatore della Campania Vincenzo De Luca si accorge che gli anziani toccano il 30% del corpo elettorale è probabile che si interesserà a loro prima che se ne occupino quegli scalmanati, illusionisti stellati.

“Tale situazione – ha dichiarto Lorenzo Conte, segretario del sindacato di categoria. – parte dalla mancata considerazione che alla Regione Campania non viene riconosciuto un finanziamento per la popolazione anziana e sugli stessi dati epidemiologici”.

“Inoltre, non è stata fatta un’attenta rendicontazione delle reali necessità della popolazione per le prestazioni sanitarie in queste branche di cui si ha la necessità come Diabetologia e Radiologia. – Conclude Conte – Infine, le strutture pubbliche dovrebbero offrire una migliore offerta in questi rami e perché non farle nei week-end o addirittura nei turni notturni come si è fatto in altre regioni”.

Salerno, 25 febbraio 2019

1 commento su questo articoloLascia un commento
  1. piove sul bagnato: chi non può permettersi una visita apagamento deve sperare che non abbia nulla di grave, ed ha il coraggio di dire il commissari/governatore che la sanita’ campana è tra le migliori d’italia?
    SIAMO ALLA TRAGI-FARSA!
    🙁

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2021 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente