Un altro incendio allo STIR di Battipaglia

Stamattina, intorno alle 9.30, si è sviluppato un rogo all’interno dell’ex Stir di Battipaglia.

Le fiamme si sono sviluppate dal capannone dove è stoccata la Frazione Organica Stabilizzata. Sul posto sono presenti i vigili del fuoco della stazione di Eboli. Gli incendi si ripetono. È autocombustione?

STIR-BATTIPAGLIA

STIR-BATTIPAGLIA

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

BATTIPAGLIA. Ancora un incendio allo Stir di Battipaglia. Ancora un incendi di immondizia a Battipaglia. Si sentiva ancora la puzza del fumo e dei rifiuti bruciati della Nappi Sud un’altra piattaforma battipagliese che tratta la lavorazione i rifiuti, e la eco dell’incendio avvenuto un anno fa ai capannoni della Sele Ambiente, anch’essa società che tratta e rifiuti, e da stamattina è stata visibile una colonna di fumo proveniente dall’impianto di trattamento rifiuti sulla zona industriale di Battipaglia ex STIR della società partecipata  Ecoambiente.

Le fiamme si sono sviluppate dal capannone dove è stoccata la Frazione Organica Stabilizzata all’interno dell’ex Stir di via Bosco II, di Battipaglia per cause ancora in corso d’accertamento.

Si tratta di autocombustione o di una realtà che nessuno vuole ammettere trovandoci di fronte a una nuova “Terra dei fuochi“? Sul posto intanto sono intervenuti i Vigili del Fuoco della stazione di Eboli che hanno domato le fiamme, e si aspetterà che si definiscano le indagini e le cause dell’incendio.

Nel corso del tempo se ne sono verificati di altri incidenti allo STIR, si ricorderanno quelli del 2014 e quelli Episodi di autocombustione che sarebbero normali e possibili in contesti del genere del marzo 2013 un incendio investì la vasca principale di raccolta dei rifiuti indifferenziati. In quella circostanza i vigili del fuoco dovettero lavorare sette ore per domare l’incendio. Nel 2001, nel corso di un solo mese, si verificarono ben due incendi.

Insomma una lista di “autocombustioni” lunga anni e che non dovrebbero verificarsi e questo la dice lunga di come si lavorano e di quando tempo restano i rifiuti prima di essere lavorati, oltre all’attenzione che si ripone nella vigilanza dei capannoni e dei piazzali, tanto è che per arrivare all’autocombustione ce ne vuole.

Ce ne vuole talmente tanto che oggi alla stregua di quello che accade a Battipaglia e d’intorni sarebbe il caso si approfondissero tutte le autorizzazioni che sono state rilasciate che a vario titolo trattano rifiuti e che si definisca in maniera concreta un nuovo Piano Regionale dei Rifiuti

Battipaglia, 10 luglio 2018

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2018 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente