Il giudizio di Nicola Provenza(M5S) sulle Fonderie Pisano

Il candidato al collegio uninominale di Salerno del M5S Provenza commenta gli ultimi avvenimenti sulle Fonderie Pisano.

Nicola Provenza: “Gli inquirenti ipotizzano a carico degli interessati reati ambientali di particolari gravità ma anche reati contro la Pubblica Amministrazione e riguardanti la sicurezza sui luoghi di lavoro”.

Nicola Provenza

Nicola Provenza

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

SALERNO – «È di oggi la notizia che la procura della Repubblica di Salerno ha concluso le indagini preliminari nei confronti di titolari, amministratori e tecnici delle fonderie Pisano. – si legge in una nota a firma di Nicola Provenza candidato al Collegio Uninominale per la Camera dei Deputati di Salerno per il M5S – Gli inquirenti ipotizzano a carico degli interessati reati ambientali di particolari gravità ma anche reati contro la Pubblica Amministrazione e riguardanti la sicurezza sui luoghi di lavoro.

Emerge uno spaccato nel quale i pur legittimi interessi correlati all’iniziativa economica privata, – prosegue Provenza – hanno prevalso, senza freni e con la interessata compiacenza di chi è istituzionalmente deputato a controllarli, su diritti fondamentali e primari delle persone come quello alla salute ed alla salubrità dell’ambiente.

Al di là delle responsabilità di carattere penale, che è compito esclusivo della magistratura accertare e punire, sono evidenti le responsabilità politiche delle amministrazioni locali. – aggiunge il candidato pentastellato al collegio uninominale di Salerno – Anche quando il fenomeno, da tempo latente, era ormai ampiamente percepito dalla collettività, i politici hanno fatto finta di non vedere, voltandosi dall’altra parte, oppure, nella migliore delle ipotesi, simulando un interessamento, nei fatti però privo di ogni effetto concreto.

Oltre a non esercitare i poteri di competenza in materia ambientale, gli amministratori hanno anche omesso completamente i doverosi controlli sull’attività di organi ed uffici tecnici preposti proprio alla vigilanza ambientale. – prosegue ancora – Vittime di questa grave e datata assenza, non sono soltanto i cittadini residenti nell’area, ma anche i lavoratori della stessa impresa, i quali, rispetto alla cessazione dell’attività della fonderia, rischiano seriamente di restare sguarniti da ogni forma di tutela.

Proprio l’occasione delle prossime elezioni politiche offre l’opportunità ai cittadini di mandare a casa una classe politica del tutto autoreferenziale, assente su un tema così rilevante e priva, in ogni settore, di specifica competenza. – conclude Nicola Provenza – Per questo bisogna dare massimo sostegno ad una forza politica come il Movimento Cinque Stelle, da sempre impegnato, anche a Salerno, sui temi ecologici ed ambientali e che si sta rendendo protagonista di sforzi encomiabili proprio in quelle città dove le varie amministrazioni di destra e di sinistra hanno lasciato in eredità veri e propri disastri ambientali».

Intanto Luigi Di Maio sarà domenica e lunedì in Campania per le tappa del suo “Rally” elettorale nel Paese. Domenica 11 febbraio, alle ore 10.00, il candidato premier del Movimento 5 Stelle sarà a Salerno al Grand Hotel Salerno. Sarà l’occasione per illustrare i 20 punti del programma M5S per la qualità della vita degli italiani.

Salerno, 10 febbraio 2018

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2018 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente