La Cisl ai neo Sindaci: Stati Generali per la pubblica Amministrazione

La CISL ai Sindaci neo eletti: Subito Stati Generali per Autonomie locali e concertazione per cambiare la Pubblica Amministrazione. 

Pietro Antonacchio-Miro Amatruda

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

SALERNO – Ai sindaci neoeletti a Salerno e provincia arriva una proposta e se ne fa portavoce la CISL Funzione Pubblica di Salerno con una lettera a firma dei reggenti dell’organizzazione Pietro Antonacchio e Miro Amatruda – nella quale chiedono il coinvolgimento degli enti locali che i primi cittadini si apprestano a governare per definire assieme al sindacato i contenuti degli

Stati Generali delle Autonomie” da tenere nelle prossime settimane. “In occasione – dicono Antonacchio ed Amatrudadi questo particolare e delicatissimo momento istituzionale che ci vede tutti coinvolti in un grande sforzo per il rilancio delle nostre comunità, è necessario aprire una nuova fase amministrativa che veda al centro dell’azione la condivisione delle scelte e delle decisioni da realizzare per la crescita e lo sviluppo del territorio provinciale. Superare le contrapposizioni locali e aprire una stagione di collaborazione diffusa è indispensabile per progettare e spendere al meglio le straordinarie risorse del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) e definire percorsi finalizzati alla gestione delle transizioni ipotizzate, ecologica, demografica, digitale e culturale che per il sud prevedono 135 miliardi di euro.”

Da ciò l’idea di questa assise. Per fare che cosa? I leader della CISL FP di Salerno indicano alcuni punti da affrontare: “Va rivisto il vigente sistema della finanza locale, che ha messo completamente in ginocchio i Comuni di tutto il salernitano in questi anni a causa di miliardi di mancati trasferimenti. Con la stessa urgenza vanno ridotte le tassazioni locali, e stabiliti nuovi criteri legati alla progressività delle stesse rispetto al reddito. Ancora, bisogna coprire i vuoti di organico con nuove assunzioni, decisive per lo svolgimento ottimale delle funzioni da svolgere, a partire dall’utilizzo di professionalità capaci a definire dal basso i progetti da finanziare con il PNRR, ma soprattutto a saperli costruire e formulare. Su queste misure vogliamo aprire una incisiva stagione di concertazione che veda allo stesso tavolo i rappresentanti istituzionali delle autonomie e le forze sociali portatrici degli interessi generali dei lavoratori e delle loro famiglie. Iniziativa tanto più urgente ed importante – conclude Antonacchioalla luce delle chiusure che la Giunta regionale ha fatto tenendo fuori dalla costituita Cabina di Regia sia le organizzazioni sindacali che il sistema delle autonomie.” 

Salerno, 7 ottobre 2021

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2021 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente