+ Italia – Europa: Continua la campagna di “Battipaglia Nostra”

Continua la campagna dell’Associazione “Battipaglia Nostra”: + Italia – Unione Europea = Opere Pubbliche Sovrane.

L’Associazione politico-culturale “Battipaglia Nostra” ricorda che l’Italia versa di più all’Unione europea (259 mld di euro) di quello che riceve in fondi strutturali (173 mld) periodo 2000/2017, il meccanismo perverso dei fondi europei.

+Italia - Europa-Battipaglia Nostra

+Italia – Europa-Battipaglia Nostra

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

BATTIPAGLIA – Questo il titolo dello striscione affisso nel pomeriggio presso la stazione ferroviaria dagli attivisti dell’Associazione politico culturale “Battipaglia Nostra“, capeggiati da Carlo Zara, Gianni Corizzo e Maurizio Fresa, per sottolineare la farsa del Più Europa che impone la realizzazione di opere pubbliche – cattedrali nel deserto completamente sganciate dalle reali esigenze del territorio. Il mastodontico sovrappasso ferroviario e le opere collaterali ne sono la prova lampante.

Assodato che l’Italia versa di più all’Unione europea (259 mld di euro) di quello che riceve in fondi strutturali (173 mld) periodo 2000/2017, il meccanismo perverso dei fondi europei si può così sintetizzare:

+Italia - Europa-Battipaglia Nostra

+Italia – Europa-Battipaglia Nostra

I fondi sono vincolati a progetti di interesse europeo. Quindi gli enti locali, pur di non perdere i fondi, li impiegano per progetti non prioritari, perché ciò che conta non è la loro utilità ma la loro realizzabilità in tempi brevi pena sanzioni.

In secondo luogo questi fondi devono essere ulteriormente CO-FINANZIATI dagli enti locali in quote che vanno dal 50 all’85% del fondo stesso. Cofinanziare significa fare spesa pubblica cosa impedita dal patto di stabilità interno imposto dalla UE. Quindi per poter cofinanziare i progetti gli enti locali sono costretti a tagliare i servizi (in particolare, la sanità pubblica), aumentare la tassazione al fine di non sforare i vincoli di bilancio.

Infine l’erogazione dei fondi è subordinato alle raccomandazioni della Commissione e del Consiglio europeo fatte al nostro Governo nel biennio 2013-14, nell’ambito della presentazione dell’accordo di partenariato che definisce le priorità di spesa dei fondi nel periodo 2014-2020; nelle quali si prescrivono – pena la sospensione e/o la revoca dei finanziamenti – riforme strutturali che riguardano mercato del lavoro (licenziamenti facili), contrattazione aziendale, giustizia, pubblica amministrazione e istruzione (tagli), il controllo severo del debito attraverso il taglio della spesa pensionistica e AUMENTO della pressione fiscale sugli immobili e i consumi, oltre che la PRIVATIZZAZIONE dei servizi pubblici locali.

Battipaglia, 12 giugno 2018

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2018 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente