Un solo sito di Compostaggio a Battipaglia? Una ipotesi

Il Comitato “Battipaglia dice No”, con Vitolo, Furmio e Petrone, sul compostaggio attacca a testa bassa il PD e Mimmo Volpe.

“Sulla riduzione da parte della Regione solamente ipotesi ma nulla di concreto. Tenete in freddo lo spumante: lo stapperemo quando avremo una legge che modificherà la parte che ci riguarda”

Nunzio Vitolo, Cucco Petrone , Marco Furmio.

Nunzio Vitolo, Cucco Petrone , Marco Furmio.

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

BATTIPAGLIA – La questione dei rifiuti, quella della puzza e quella della realizzazione per trasformazione dello STIR in Impianto di Compostaggio da mesi ormai sta tenendo banco a Battipaglia, Eboli e in tutta la Piana del Sele, ed inevitabilmente è diventato uno dei temi principali della campagna elettorale.

Infatti il primo ad utilizzarlo è stato Mimmo Volpe nella sua kermesse elettorale all’Hotel San Luca di Battipaglia, nel momento in cui preannunció una modifica significativa del Piano Regionale dei Rifiuti, nei giorni a seguire poi fino a ieri, c’è stata la conferma con l’intervento del Segretario della Sezione del PD di Battipaglia Davide Bruno. Ovviamente se non ci sarà un atto ufficiale che passi attraverso il Consiglio Regionale della Campania teso a modificare il Piano Regionale dei Rifiuti, che dia corso concretamente agli ambiti e i subambiti, qualsiasi volontà è semplicemente un principio, un desiderio, una dichiarazione di intenti.

Questa nuova visione offerta dal PD mescola le carte e per questo si è tenuta  nel pomeriggio di ieri, la conferenza stampa convocata dal comitato “Battipaglia dice NO” sull’ipotesi di riduzione dei rifiuti da parte della Regione. All’incontro sono intervenuti i tre portavoce: Nunzio Vitolo, Cucco Petrone e Marco Furmio.

Il primo ad intervenire è stato Nunzio Vitolo: «Rispettiamo i ruoli di ognuno e le mansioni. Fino a poco tempo fa eravamo convinti che la nostra fosse una voce isolata anche dopo la manifestazione del 23 novembre dove il popolo – indirettamente – ci aveva dato un mandato istituzionale. Improvvisamente udiamo voci che fino ad ora non si erano sentite. Quando il piano rifiuti fu approvato nessuno eccepì nulla. E mi riferisco ai partiti che fino ad adesso non si erano né visti né sentiti e che ora rivendicano fantomatici documenti, e ai politici che a malapena conoscono dove è collocata Battipaglia. Senza tutto il lavoro che abbiamo svolto, a partire dalla messa in piedi del comitato in agosto, e passando per le assemblee pubbliche, i flash mob, lo striscione appeso al Comune, le partecipazioni ai consigli congiunti e all’audizione in Regione, fino alle più recenti manifestazioni natalizie dinanzi allo Stir e all’albero di Salerno, ora staremmo a goderci i lavori silenti nella zona industriale. Ne prendessero fatto tutti qualora le nostre reiterate richieste venissero parzialmente, o integralmente, accolte».

In merito ai recenti articoli comparsi sui quotidiani locali, Marco Furmio ha precisato che «Siamo nati sotto una bandiera. Qualsiasi risultato di riduzione del danno non ci soddisfa e non ci tranquillizza. Non smetteremo di lottare fino a quando non riusciremo a evitare l’ampliamento dello Stir. L’articolo di oggi (La Città) è pieno di condizionali. Troppi dovrebbe. Mi domando: il popolo ha vinto? Volevamo realmente questo?. Lancio un appello: considerato che sono stati commessi errori non sarebbe giusto che prima di prendere decisioni se ne parli col popolo chiedendosi cosa voglia realmente. Una via percorribile, ad esempio, potrebbe essere il referendum consultivo»

Comitato no compostaggio-conferenza stampa

Comitato no compostaggio-conferenza stampa

A concludere l’incontro è stato Raffaele Cucco Petrone che non ha risparmiato stoccate al candidato alla Camera dei Deputati nel Collegio uninominale di Battipaglia del Partito Democratico, Mimmo Volpe: «La riduzione del danno non è l’obiettivo. Ci teniamo a chiarire un’ultima cosa: abbiamo visto l’esultanza di oggi, la sindaca felice, candidati alla Camera che si intestano meriti (tutto da valutare). Bene, voglio ricordare a questi signori che Eboli – attualmente – lavora 8.000 tonnellate delle 20.000, se va in porto questa cosa passiamo a 35.000. A prescindere da ciò, invito i candidati che annunciano con entusiasmo questa vittoria, nella città dove avevano detto che adesso toccava a noi”, di tenere in fresco lo spumante. Il candidato del Pd ha parlato di “decisione della Regione”. Fa riferimento a un documento tecnico che si dovrebbe approvare in settimana. Fra dicembre 2016 e gennaio 2017 il Consiglio ha approvato un piano regionale che dice chiaramente: “lo Stir si amplia e arrivano 35.000 tonnellate”. Ogni modifica a quella decisione sui quantitativi va presa dal consiglio regionale. Se e quando avremo una legge che modifica alla parte che riguarda Battipaglia allora potremo decidere di stappare lo spumante. Ci accusano di aver ostacolato l’Ato. Noi lo abbiamo impedito? O la vostra incapacità? Sono convinti che gestiranno e ridurranno il quantitativo di rifiuti ma il piano Ato è subordinato a quello regionale. Fino a quando il consiglio non cambia, abbiamo qualcosa che vale di meno del protocollo d’intesa con il quale nel 2002 ci hanno fregati. Non intendo più cadere nello stesso errore. Ci aspetta una marea di rifiuti. Non ci fidiamo di nessuno se non del consiglio regionale. Specialmente se un candidato viene qui, dopo averci massacrato in Regione, a dirci che ci ha risolto problemi che il suo padrone ci ha creato, guarda caso a un mese delle elezioni. Mi dispiace: noi non ci crediamo».

Battipaglia, 7 febbraio 2018

1 commento su questo articoloLascia un commento
  1. Sarei curioso di conoscere la storia passata del regista Petrone, in particolare l’attività svolta alla Regione quando era consigliere.

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2018 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente